Stampa

Dominique Van Doorne

 

Prima di una scintigrafia o di un trattamento con radioiodio è necessario seguire una dieta a basso contenuto di iodio, allo scopo di rendere le eventuali cellule tiroidee residue avide di iodio.

La dieta deve essere seguita per un tempo di circa tre-quattro settimane, e continuata durante il trattamento. Si può ricominciare la dieta libera un giorno dopo la scintigrafia total-body.

La dieta non è “senza iodio” ma “a basso contenuto di iodio” e cioè prevede un consumo di circa 50 µg al dì o meno.

In quali alimenti e prodotti si trova lo iodio?
Lo iodio è molto diffuso: si trova in molti alimenti, in diversi farmaci e in molti prodotti.
Il sale da tavola (cloruro di sodio) contiene spesso iodio (questo è sempre riportato sulla confezione). E' bene precisare che lo iodio non è sodio e che la dieta con poco iodio non è una dieta con poco sodio. Infatti il cloruro di sodio va bene, purché non sia arricchito con iodio.
Sono da evitare tutti i prodotti e gli ingredienti di origine marina, perché sono ricchissimi di iodio (pesci, frutti di mare, crostacei e alghe). Anche l'uovo è ricco di iodio, ma si può usare solo l’albume.
Si consiglia di evitare qualunque cibo già preparato e salato (l’industria alimentare usa spesso sale contenente iodio). Evitare salse già preparate, burro e margarina salati. E' suggeribile comprare pane non salato. I sostitutivi del latte non sono permessi, perché sono a base di soia o di riso contenente sale. Per ricette che richiedono nocciole, usare sempre quelle non salate. Anche il pangrattato confezionato contiene sale, per cui è meglio prepararlo in casa.
E' bene leggere attentamente la lista degli ingredienti sulle etichette dei farmaci e creme per il corpo. In caso di incertezze, suggeriamo di consultare il medico curante, l'endocrinologo o il servizio di medicina nucleare. Per esempio, gli integratori vitaminico/minerali spesso contengono iodio.
Molti mezzi di contrasto radiologici (per TAC, angiografie, coronarografie, urografie, ecc.) sono ricchi di iodio e non devono essere stati somministrati nei 3 mesi precedenti al trattamento radiometabolico.
Anche alcuni disinfettanti (per es. Betadine) sono ricchi di iodio. Evitare anche saponi e shampoo contenenti disinfettanti e iodio.
Il colorante rosso è ricco di iodio (eritrosina): controllare che non ci sia questo colorante nei cibi e nei farmaci.

 

Tabelle riassuntive per la dieta a basso contenuto di iodio

Tempi di sospensione consigliati di alcuni farmaci e prodotti prima della terapia con I131
(modificato da linee guida SNM)
Farmaco o prodotto Tempo di sospensione consigliato
Multivitaminici (contenenti iodio) 7 giorni
Espettoranti, soluzioni di Lugol, prodotti a base di alghe marine, prodotti per dimagrire contenenti iodio, disinfettanti, lavande vaginali, dentifrici iodati, tinture per capelli, creme anti-cellulite a base di iodio o prodotti iodati 2-3 settimane, in base al contenuto di iodio
Tintura di iodio 2-3 settimane
Mezzi di contrasto radiografici idrosolubili 3-4 settimane (in caso di funzionalità renale normale)
Mezzi di contrasto radiografici liposolubili (oggi usati raramente) 3 mesi
Amiodarone 3-6 mesi o più

 

Cibi ad elevato contenuto di iodio (da evitare)
  • Sale iodato, sale marino (può essere utilizzato sale non iodato)
  • Latticini (latte, formaggio, panna, yogurt, burro, gelato)
  • Uova
  • Pesce, crostacei, molluschi, alghe
  • Cibi contenenti i seguenti additivi: carragen, agar-agar, algin
  • Cibi insaccati o salati
  • Pane contenente conservanti iodati
  • Alimenti e farmaci contenenti coloranti rossi (E 127: eritrosina)
  • Cioccolato (per il contenuto di latte)
  • Prodotti a base di soia
  • Evitare ristoranti (per la difficoltà di stabilire se viene utilizzato sale iodato), in particolare quelli etnici

 

Gruppi di alimenti
Alimenti Da evitare Consentiti
Bevande Tutti i prodotti a base di latte, bevande con frutti “rossi”, punch Caffè, thè, bevande gassate, limonata, acqua
Pane cereali Pane industriale, biscotti, prodotti da forno contenenti conservanti iodati, crackers Pane fatto in casa, farina, farina d’avena, pasta, orzo
Latticini Tutti Nessuno
Dolci e dessert Dolci industriali Dolci fatti in casa con prodotti consentiti (zucchero, marmellata)
Uova   Consentite se usate per cucinare in piccole quantità
Grassi Burro Olio, margarina
Frutta – succhi di frutta Frutta o succhi in lattina con coloranti rossi Tutta la frutta fresca e i succhi senza coloranti rossi
Carni-pesci Pesce, molluschi, crostacei, carni affumicate ed insaccate, wurstel Manzo, vitello, maiale, pollo, tacchino, agnello
Verdure Verdure in scatola o surgelate con aggiunta di sale, patate con la buccia, patate fritte, purè istantaneo, legumi, soia Tutte le verdure fresche e quelle non elencate nelle verdure da evitare
Varie Snack foods commerciali, inclusi salatini, noccioline, patatine Erbe, spezie, pepe, aceto, ketchup